Rifinizione a spruzzo
  • stampa pagina
  • segnala

SprayStorm

Cabina di spruzzatura alternativa

SprayStorm

L’esperienza acquisita da Gemata, leader mondiale nel settore della rifinizione delle pelli, unita ad approfonditi studi di ricerca e sviluppo e ad una sperimentazione in laboratorio e in conceria, ha permesso la realizzazione di SPRAYSTORM, innovativa cabina di spruzzatura che garantisce perfetta verniciatura della pelle con un ingombro di poco più di 3 metri.

La SPRAYSTORM con luce di lavoro da 1800 a 2600 lavora con 8 bracci portapistola in un ingombro di 2,250 metri di larghezza. I modelli con luce di lavoro da 3000 a 3800 lavorano con 12 bracci portapistole in un ingombro di poco più di 3 metri.
Le pistole nella SPRAYSTORM si muovono su guide lineari indipendenti una dall’altra ed ogni pistola può essere alimentata con un colore diverso dalle altre.
Oltre alle dimensioni compatte rispetto alle tradizionali cabine rotative di spruzzatura, la SPRAYSTORM si caratterizza per una velocità di traslazione della pistola del 33% inferiore a quelle di una cabina rotativa tradizionale.
Con una bassa velocità di traslazione e in assenza della velocità centrifuga si ha un elevato rendimento di spruzzatura con bassa dispersione di prodotto chimico.

SPRAYSTORM si contraddistingue anche per la grande praticità di regolazione e pulizia:
  • il lavaggio si effettua con le pistole ferme ed allineate in fondo alla cabina in prossimità dell’abbattitore.
  • la regolazione delle pistole viene effettuata con tutte le pistole allineate di fronte all’operatore che, aprendo la porta a doppia anta, ha grande facilità di accesso e può agire su tutte le pistole contemporaneamente.

Elementi che caratterizzano la macchina sono:
  • Struttura portante in acciaio Fe verniciato e scivoli per il ricircolo dell’acqua in acciaio Inox Aisi 304.
  • E’ disponibile con luce di lavoro utile 1800, 2200, 2600, 3000 e 3400 mm nella versione a velo d’acqua. Rispetto alle tradizionali cabine di tipo rotativo si presenta con ingombri notevolmente minori e viene spedita assemblata, pronta per essere installata risparmiando tempo per il piazzamento dal cliente.
  • Sul lato corridoio principale presenta una grande porta a doppia anta in alluminio con vetri nella parte superiore, per consentire pieno accesso all’interno della cabina.
  • Unità lineari indipendenti, poste sopra la cabina di verniciatura. Ogni unità lineare è comandata da motore “Brushless” completo di riduttore di precisione.
  • Braccetti porta pistole con la possibilità di portare fino a 2 aerografi e dotati di feritoie per la regolazione in altezza delle pistole stesse.
  • All’interno della macchina è presente sotto alla zona di spruzzatura un costante velo d’acqua al fine di ridurre i tempi di manutenzione e di pulizia della macchina.
  • Vasca di ricircolo dell’acqua e scivoli scorrimento velo d’acqua in acciaio INOX AISI 304.
  • Pompa a girante aperta autoadescante per il ricircolo dell’acqua e per il mantenimento costante del livello dell’acqua mediante galleggiante.
  • Predisposizione per qualsiasi sistema di spruzzatura in alta e bassa pressione (HVLP, AILESS, AIR-MIX ecc.) dotata di circuiti di grosse dimensioni e di dispositivo per il carico, scarico e lavaggio automatizzato dell’impianto colore.
  • Alla macchina viena abbinato un depuratore ad alto rendimento in acciaio inox del tipo a getto d’acqua per l’abbattimento dei fumi tramite ugelli e sfere di plastica resistenti ai solventi e autopulenti e filtri di separazione aria-acqua.
  • Vasca raccolta fanghi facilmente accessibile per una rapida manutenzione.
  • Economizzatore prodotti con visualizzatore della velocità della linea e delle pistole, consente di effettuare statistiche di produzione in numero di pelli, di piedaggio totale e di consumo di prodotto/colore.
  • Tutti i comandi pneumatici ed elettrici ed il controllo delle pistole sono raccolti in un unico pannello centrale facilmente accessibile dall’operatore. In modo particolare è possibile comandare la velocità delle pistole ed azionarle singolarmente per posizionarle di fronte all’operatore.